banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Hominēs et bēstiae (cap. XXIV)
Pagina 44 Numero 62

 Lŷsander, Graecus vir qui bestias omnes diligebat, maxime equis delectabatur, quos amicos, non servos hominum esse putabat.
Is olim, dum Spartam, quo salutatum amicum ibat, iter facit, improbo occurrit homini, qui equum suum, magnum et pulchrum animal, virga valide verberabat: ex equi tergo multum sanguinis fluebat; misera bestia, quae catena ad murum vinciebatur neque fugere poterat, dolorem silentio ferebat. Cum primum hoc conspexit, Lŷsander, rem indignam visu esse putans, ad hominem illum accessit, et, prehensa manu qua virgam tenebat, severe reprehendit eum ‘ferocem et minime humanum' esse dicens. Cui alter, "Num tuum" inquit "est animal? Haec bestia mea est: quod igitur me delectat, facere possum; nonne licet mihi equum meum, si ita volo, verberare?" "Certe" respondit Lŷsander; "Immo, exemplum tuum sequar, et idem ego quoque faciam!" Postquam vero haec dixit, magno baculo, quod manu tenebat, tergum hominis graviter iterum iterumque verberavit. Alter vero clamans: "Heus", inquit, "quid agis?" Cui Lŷsander. "Quid vis?" inquit "Hoc enim baculum meum est. Nonne igitur mihi licet eo id facere, quod me maxime delectat?"

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/44430
[darkshines] - [2017-11-07 12:38:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!